Pubblicato il

Nel bene o nel male c’è… l’autostima

Modi di sviluppare l’autostima

Per migliorare la nostra autostima possiamo iniziare a fare delle cose che per alcuni possono sembrare futili, ma che fanno parte del saper prendersi cura di se stessi e dei propri bisogni.

Concedersi dei vizi: un buon pasto, un bagno rilassante, fai una pausa, ascolta la tua musica preferita, fai un sonnellino, fai ginnastica, divertiti, cerca la compagnia di una persona positiva, programma una giornata equilibrata, con traguardi realistici. Realizza qualcosa di piccolo o grande ogni giorno.

A lungo termine è importante: riconoscere i tuoi diritti, considerare i propri bisogni; esprimere le tue sensazioni e le tue opinioni; essere assertivo nella tua vita; curarti di te stesso fisicamente ed emotivamente; affermarti, riconoscere le tue qualità e realizzazioni e ricordarti che è un bene vantarsi un po’; aspettarti il successo; essere te stesso e vivere la tua vita come vuoi, non come pensi che gli altri si aspettino che tu faccia; lasciare andare le cose che ti frenano nella vita, come ad esempio i pensieri e le cose materiali; accettare i tuoi limiti, stabilire dei traguardi; programmare il tuo tempo –lavoro e riposo- e trovare un equilibrio tra le due cose; godere di ogni momento.

Caratteristiche della persona con alta autostima

  • Tende ad assumere una posizione attiva e assertiva in occasione di richieste provenienti dal mondo esterno
  • Prevale in lei un senso di auto-accettazione, orgoglio, rispetto di sé
  • Manifesta una certa indipendenza anche nelle situazioni di maggior pressione sociale
  • Tende a godere di una certa popolarità tra colleghi e conoscenti
  • Ha fiducia nella propria capacità di affrontare le situazioni
  • Raramente prova uno stato di ansia intensa
  • Ha la capacità di far fronte all’eventuale giudizio negativo degli altri

La stima di sé, come abbiamo precedentemente notato è un comportamento appreso, quindi possiamo pian piano apprendere dei comportamenti nuovi, degli atteggiamenti diversi, dei modi di pensiero diverso, cercando di lavorare anche sul proprio dialogo interno.

Che cosa si può fare per migliorare la propria autostima e quindi il proprio stile di vita. Quella che propongo è una serie di “attività” che si possono intraprendere che deve essere preceduta da una presa di coscienza riguardo a se stessi.

Considerazioni per chi ha una bassa autostima:

  1. Come mai mi comporto in questo modo?
  2. I miei pensieri negativi diventano convinzioni e fatti concreti
  3. Posso scegliere di continuare in questo modo o di proseguire in modo più positivo
  4. La bassa autostima è una profezia che si auto-avvera: credo che non riuscirò a fare una cosa, per cui non ci riuscirò davvero
  5. Spetta a me cambiare la mia vita
  6. Io posso compiere delle scelte: aspettare che il mondo si accorga di me o andare incontro al mondo
  7. Posso accettare il fallimento come parte integrante del successo
  8. Posso abbattermi o affermarmi.

Bibliografia

E. Giusti e A. Testa, L’autostima, Roma, 2006, Sovera Editori